Acconsento all'utilizzo dei cookie
Ok Accetto Info Informazioni
18

Pasqua 2018 a Lisbona e dintorni: tradizione, storia e gusto

Natale con i tuoi, Pasqua… a Lisbona. La capitale portoghese vi accoglierà con le sue infinite bellezze e attrazioni. La Settimana Santa viene vissuta nel rispetto delle tradizioni, religiose e non, e all’insegna del relax. E tra musei, gite fuori porta, cene tipiche e serate di fado, le occasioni non mancano.

Speciale Pasqua: Offerte hotel a Lisbona
In collaborazione con: Booking.com

Speciale Pasqua: Offerte hotel a Lisbona

  • Prezzo più basso garantito e assistenza clienti in italiano
vedi disponibilità mostra disponibilità mostra disponibilità
In collaborazione con: Booking.com

Lisbona PanoramaPasqua a Lisbona: la meta perfetta

Il periodo pasquale è adattissimo a una piccola vacanza. Una fuga di pochi giorni, magari in una città vivace e piacevole, come Lisbona. La capitale portoghese è una meta da prendere assolutamente in considerazione. In primis, per la sua bellezza, ormai riconosciuta ovunque. Quindi, per il clima mite e accogliente che permette di passare la giornata sotto un sole tiepido, adattissimo alla vita da turista.

Lisbona a Pasqua è, senza dubbio, uno spettacolo. Non è un segreto. È alta stagione, e i turisti sono numerosissimi. Ergo, alberghi e B&B vanno contattati con largo anticipo. Muoversi all’ultimo momento potrebbe significare rimanere a bocca asciutta o, comunque, spendere cifre considerevoli. Bisogna essere previdenti. E intelligenti. La Pasqua coincide con un’impennata di richieste, dunque conviene studiare la soluzione migliore. Per esempio, nel caso siate una famiglia, o un gruppo numeroso, è consigliabile valutare la possibilità di affittare un appartamento intero. Fidatevi: può essere ben più economico di una stanza di hotel.

Risolto il problema pernottamento, non vi resterà che godervi la città. Lisbona si farà trovare pronta: musei, attrazioni, così come ristoranti, bar e locali, saranno aperti; i mezzi di trasporto saranno in funzione. I negozi, invece, abbasseranno le serrande, perlomeno nelle giornate festive.

Bacalhau foto di Daniel LoboIl rispetto delle tradizioni

La Pasqua portoghese segue le tipiche tappe dettate dalla religione cristiana. La Settimana Santa, al termine della Quaresima, è scandita dai rituali che portano alla celebrazione della domenica. Come anche in Italia, ogni comunità ha le sue tradizioni. Alcune, però, sono condivise da tutto il popolo lusitano. 

Durante la Domenica delle Palme, i bambini offrono ai nonni dei rami d’ulivo, dei fiori e dei dolci pasquali a base di cioccolato e mandorle. I rami e i fiori, che sono anche simbolo della stagione primaverile, vengono anche appesi sulle porte di casa, come decorazione.

Durante il Venerdì Santo non si mangia carne. A Lisbona, così come nel resto del Paese, si prepara merluzzo (caposaldo della cucina locale). In giornata, inoltre, si svolgono diverse processioni. Vi potrà capitare, per esempio, di incrociare una “via crucis”. O fedeli che intonano canti sacri e illuminano le vie con candele: si tratta della Procissao do Senhor Morto.

VIVI CITY: Il motore di ricerca per biglietti salta la coda e tour
VIVI CITY: Il motore di ricerca per biglietti salta la coda e tour
VIVI CITY: Il motore di ricerca per biglietti salta la coda e tour

Il Sàbado de Aleluia è dedicato alla riflessione e all’attesa della domenica. Perciò, viene vissuto mestamente, senza celebrazioni. Ben diversa, ovviamente, la domenica di Pasqua. I parroci delle varie comunità, anche cittadine, si recano nelle case reggendo un crocifisso che i fedeli baciano in segno di devozione. Inoltre, ogni famiglia dona, in segno di scambio, un folar: un panino dolce con, al centro, un uovo sodo. La Pasquetta, così come in Italia, è dedicata alle gite fuori porta e ai picnic in famiglia.

Queste le tradizioni che seguono la liturgia. Ci sono, poi, quelle “pagane”, di chiaro stampo culinario. Anche a Lisbona si festeggia con i classici dolci al cioccolato: uova e coniglietti. È usanza, per il pranzo di Pasqua, preparare agnello arrosto, retaggio dell’ebraismo. Accanto, il già citato folar, solitamente dolce, anche se in alcune regioni si trova la versione salata, con prosciutto o carne.

Cabinovia Parco delle NazioniCosa fare: attività a non finire…

La settimana pasquale, prescindendo dal calendario cristiano, è dedicata al relax. Lisbona si anima ancor più del solito. Anche i suoi abitanti si godono le vacanze, riversandosi nelle strade, nei musei e nei tanti luoghi di attrazione. Giornate da vivere con gli amici e in famiglia. Tantissime le iniziative e le possibilità di divertimento.

A partire dai musei, chiusi solamente la domenica di Pasqua. Negli altri giorni della Settimana Santa, sono aperti e, va da sé, piuttosto affollati. Con la Lisboa Card avrete la possibilità di viaggiare gratis sui mezzi pubblici di Lisbona, evitare le code nei principali musei e attrazioni e risparmiare tempo (oltre a qualche sconto interessante).

Si può allora semplicemente passeggiare alla scoperta del centro storico e delle sue bellezze. Magari partecipando a tour pensati per raccontarvi Lisbona a 360 gradi. Come il “Lisbona: tour tra storia, racconti e vita quotidiana”, grazie al quale potrete visitare il Bairro Alto, Alfama e il punto panoramico di Miradouro São Pedro de Alcântara, oltre a farvi una corsa su uno dei leggendari tram cittadini. Non vi va di camminare? Beh, potreste scegliere il classico bus hop-on hop-off; oppure il folkloristico Tuk Tuk.

Se siete in compagnia di bambini, perché non spendere una giornata alternativa, curiosa e istruttiva al tempo stesso? I “piccoli viaggiatori” farebbero volentieri tappa al Giardino Zoologico o all’Oceanario, alla scoperta di più di 8000 creature marine. Potreste cogliere l’occasione del tour in tuk-tuk, o bus, che comprende anche lo zoo, oppure acquistare in anticipo il ticket per l’Oceanario.

Più adatta a chi non ha figli al seguito, la crociera al tramonto sul Tago. In franchezza, è davvero adatta alle coppie: un lussuoso yacht, la città vista da una prospettiva privilegiata, i giochi di luce regalati dal sole calante… Anche a Pasqua, un po’ di romanticismo.

Tra una gita e l’altra, tutti a tavola. All’insegna dei gusti lusitani. Nei ristoranti di Lisbona, soprattutto durante la settimana di Pasqua, affidatevi ai menù tipici: baccalà e vitello come piatti principali, accompagnati da caffè e dall’immancabile pastél de nata. Un primo assaggio, letteralmente, della cultura culinaria della città. Da scoprire, perché no, partecipando a un tour gastronomico privato: ben tre ore tra le specialità, anche enologiche, della capitale portoghese.

Idee per il dopocena? Beh, Lisbona fa rima con fado. La tipica musica locale allieterà le vostre serate. Spettacoli intimi, raffinati, coinvolgenti e malinconici. Un’esperienza che va oltre l’aspetto melodico. “Fado in Chiado” è una performance perfetta per cogliere lo spirito di questo genere musicale dichiarato Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità dall’UNESCO. E nel caso vogliate approfondire ancor più, vi suggeriamo “Lisbona: tour di 3 ore a piedi tra Fado e cultura”: un viaggio nella storia del fado, con gita nel quartiere Mouraria e cena tradizionale.

Panorama Palazzo da PenaPalácio da Pena di SintraGite fuori porta: da Sintra a Fatima

Avendo tempo a disposizione, potreste anche lasciare Lisbona per un giorno. Nei dintorni, infatti, ci sono molte località turistiche rinomate.

Sintra, per esempio, è una cittadina a soli 30 km dalla capitale che vi lascerà a bocca aperta. La sua collina ricca di verde e il Castello da Pena sono attrazioni imperdibili. Potrete visitarla in giornata, partendo da Lisbona in piena comodità con trasferimento in bus.

Cascais merita altrettanta attenzione. Le sue perle naturalistiche si sposano perfettamente con la maestosità delle scogliere di Cabo da Roca, il punto più occidentale d’Europa. Il bello è che non dovete per forza scegliere l’uno o l’altro. Potete optare per un tour che vi porti a Sintra e Cascais , o quello che riunisce Sintra, Cascais e Cabo da Roca.

Pensando al vero significato della Pasqua, Fatima rimane la scelta primaria. Non serve spiegare il perché. In occasione del periodo pasquale a Fatima arriveranno migliaia di pellegrini  proprio per visitare i luoghi dell’apparizione delle Vergine. 

18
Quanto ti è stato utile questo articolo?
VIVI Lisbona è parte del network VIVI CITY - Marisdea s.r.l.s. P. IVA 05305350653 Joomla!™ è un Software Libero rilasciato sotto licenza GNU/GPL Creative Commons - Attribution, Non Commercial, No Derivatives 3.0